Cosa è la neurodiversità

Che cos’è la neurodiversità?

Traduzione da un contributo originale di Judy Singer.

Spinta dal disastro ambientale della stagione degli incendi boschivi in ​​Australia, e ora dal panico del coronavirus, ho aggiornato le mie idee circa la Neurodiversità per enfatizzare il suo posto all’interno della biodiversità.

In tempi di perdita della diversità, minaccia di collasso economico e aumento della concorrenza a causa della scarsità delle risorse, abbiamo bisogno di  un’argomentazione forte contro la primitiva “sopravvivenza del più forte”, roccaforte della mentalità contro gli “outsider”, comunque vengano definiti.

Fino a poco tempo fa, la santità di tutta la vita umana nella cultura occidentale era sostenuta, per quanto in modo imperfetto, dalla credenza giudaico-cristiana nel comandamento divino.

Sperando nel declino dell’autorità divina, abbiamo bisogno di un nuovo e convincente argomento che sancisca la santità di tutte le vite, per contrastare la logica disumana del razionalismo economico che vacilla per sempre su un abisso eugenico.

Forse l’idea del rispetto per la biodiversità e il suo sottoinsieme Neurodiversità, come il vero fondamento della stabilità della nostra globale casa galleggiante, fornisce questo argomento .

Contenuti:

1. Cos’è la Neurodiversità

2. Cosa non è la Neurodiversità

3. Cos’è il Movimento per la Neurodiversità

4. Principi fondamentali

5. Neurodiversità e Conservazione

6. Il lato oscuro della Neurodiversità

7. Neurodiversità ed Eugenetica

8. Neurodiversità e “Differenza vs Disabilità”

9. Il futuro della Neurodiversità

Cos’è la Neurodiversità

1. Una sottocategoria della Biodiversità

Biodiversità

– una caratteristica della Terra e dei suoi ecosistemi

– si riferisce alla totale diversità delle specie che popolano il pianeta o i suoi ecosistemi locali .

La neurodiversità è

– una caratteristica della Terra nel suo insieme, poiché gli umani hanno colonizzato tutti i suoi ecosistemi

– si riferisce specificamente alla variabilità illimitata della cognizione umana e all’unicità di ogni mente umana.

Entrambi sono descrittori di ambienti , non di  singole specie, di cui gli umani sono solo uno .

2. Lo strumento sociologico

Una parola coniata negli anni ’90 in un appello per le politiche sulla Neurodiversità, per aggiungere il concetto di differenza neurologica a:

  • le intersezioni di classe, disabilità, etnia e genere
  • le categorie limitate di disabilità riconosciute dagli strumenti governativi, sanitari e assistenziali. Ce n’erano solo 3!
    • Fisico
    • Intellettuale
    • Psichiatrico: spesso un deposito di qualsiasi cosa non compresa dalla professione medica
  • e infine alla teoria e attivismo per i diritti delle persone con disabilità

Una lente analitica per esaminare questioni sociali come la disuguaglianza e la discriminazione .

Cosa non è la Neurodiversità

La Neurodiversità non  è una diagnosi psico-medica per le persone

Non è nemmeno uno strumento per dividere “noi” da “loro”

Siamo TUTTI Neurodiversi perché non esistono due umani sul pianeta esattamente uguali

Se sei un datore di lavoro, ad esempio, puoi parlare di un ambiente neurodiverso, come un luogo di lavoro o un team, se intendi aumentarne consapevolmente il livello di neurodiversità, perché pensi che sia vantaggioso in termini di affari

Non puoi però dire che il lavoratore è “neurodiverso” mentre il lavoratore B non lo è. Implicherebbe che B è “normale” mentre A non lo è.

Tuttavia, se il lavoratore A si è identificato con una sindrome specifica, ad esempio l’autismo, in quel caso chiamalo “autistico”. Ma non è più neurodiverso di chiunque altro sul pianeta

Il Movimento per la Neurodiversità

“Movimento per la Neurodiversità” è un’espressione generica usata per difendere gli interessi comuni di varie minoranze neurologiche, come originariamente descritto e differenziato dal “20th century Psycho-Medical Complex “

Esso è nato dal lavoro pionieristico del movimento di auto-advocacy autistico e dei suoi alleati

È un movimento sociale in evoluzione, decentralizzato e senza leader

L’idea di un “Movimento per la Neurodiversità” è un fenomeno memetico, un’idea culturale che cresce in modo virale attraverso l’azione di tutti coloro che vi si impegnano. Ciò include anche coloro che esprimono pareri contrari – che gli piaccia o no! Per capire perché, vedi  l’originale https://en.wikipedia.org/wiki/Meme

Gli obiettivi del movimento si evolvono dialetticamente, cioè i suoi confini sono sfumati e rappresentano il luogo del dibattito e della discussione di coloro che si impegnano

Nonostante non ci sia una definizione ufficiale o un portavoce del movimento, i suoi obiettivi consensuali possono essere individuati. Devono:

  • modificare le percezioni tradizionali sulle NeuroMinoranze emarginate
  • sostituire gli stereotipi negativi e basati sui deficit che caratterizzano le NeuroMinoranze con una valutazione più equilibrata dei loro talenti e bisogni
  • trovare ruoli che valorizzino le persone emarginate neurologicamente
  • mostrare che tutta la società beneficia dell’incorporazione delle NeuroMinoranze

Principi fondamentali

Neurodiversità

è un termine che si riferisce a una caratteristica ovvia e indiscutibile della biosfera terrestre

La neurodiversità si riferisce alla variabilità neuro-cognitiva praticamente infinita all’interno della popolazione umana della Terra. Indica il fatto che ogni essere umano ha un sistema nervoso unico con una combinazione unica di abilità e bisogni.

Neurodiversità è un sottoinsieme della Biodiversità, un termine usato principalmente allo scopo di sostenere la conservazione delle specie

La biodiversità presuppone che sia nell’interesse dell’essere umano desiderare la conservazione di tutte le specie indipendentemente dalla loro utilità percepita o attrattiva per l’uomo. Questo si basa sul postulato che:

  • maggiore è la biodiversità all’interno di un ecosistema, più stabile è, adattabile e sostenibile quel sistema
  • gli ecosistemi sono interconnessi in modi complessi che influenzano tutta la vita, compresa la vita umana

Ne consegue che, quanto più la neurodiversità è rispettata e incoraggiata all’interno di una cultura, tanto più stabile, adattabile e sostenibile è la cultura

Il Movimento per la Neurodiversità è nato nell’era postmoderna della fine del ventesimo secolo come un nuovo tipo di movimento per i diritti civili.

Il termine Neurodiversità nella sua forma politica ha preso piede perché racchiude l’autorevolezza della scienza ambientale e delle neuroscienze, per sostituire la caratterizzazione puramente negativa e sbilanciata delle minoranze neurologiche del pensiero psico-medico del ventesimo secolo

TUTTI gli umani sono neurodiversi, perché ognuno di noi ha un cervello unico, composto dal nostro patrimonio genetico (Natura) e la nostra storia culturale ed esistenziale (Cultura). Si può quindi vedere che la neurodiversità è semplicemente un’altra prospettiva per la natura umana. Questo ci ricorda che esiste una base ambientale per rispettare la variabilità delle differenze cognitive, siano esse abilità o disabilità..

Neurodiversità è un termine moralmente neutrale. Non dice che tutte le persone sono intrinsecamente buone, né che la natura è benigna

La neurodiversità appartiene al pianeta, ma la moralità appartiene alla mente umana. E’ opportuno meditare e osservare se stessi e gli altri.

La neurodiversità non cambia nulla della natura umana, ma ci offre una nuova lente con cui esaminarla

La neurodiversità come questione di conservazione

È importante inquadrare la neurodiversità nel panorama più ampio della biodiversità

Perché la biodiversità è importante?

Il concetto di Biodiversità si riferisce alla incalcolabile varietà della vita sulla Terra e ai suoi ecosistemi e habitat. Un alto livello di biodiversità all’interno di un ecosistema è considerato desiderabile e necessario affinchè possa prosperare.

Il termine è stato coniato con uno scopo politico: la conservazione di tutte le specie, non solo quelle che gli umani apprezzano.

Da un punto di vista antropocentrico puramente egoistico

Perché la biodiversità è così importante? – Kim Preshoff
(attiva i sottotitoli in italiano)

Perché la Neurodiversità è importante per tutta l’umanità, non solo per le persone neuroatipiche?

Come sottoinsieme della Biodiversità, la Neurodiversità è importante per una cultura vitale come la biodiversità lo è per un ecosistema vitale.

Qualsiasi riduzione della biodiversità si traduce in un ambiente meno stabile e autosufficiente. Gli ecosistemi complessi si auto-guariscono nel tempo, essendo in grado di selezionare da una vasta diversità di geni. Ma il fenomeno della desertificazione mostra che esiste un punto di non ritorno oltre il quale non si torna indietro.

Considera i rischi e i benefici delle monocolture imposte dall’uomo in agricoltura. Certo,, garantiscono una produzione efficiente a una umanità sempre più esigente, ma considera i costi di manutenzione: malattie, parassiti, degrado del suolo, lavoro costante e vigilanza.

Ovviamente non assisteremo tanto presto ad una monocultura umana. Non è tecnologicamente fattibile, sebbene non possiamo fermare la marcia della scienza, che ci piaccia o no.

Il sogno di alcuni di trovare una cura per l’autismo grazie all’ingegneria genetica, è improbabile che  si  realizzi – la condizione autistica non è  dovuta solo a un singolo set di geni.

Il sogno più sinistro è una visione darwinista sociale totalitaria (basata su un’idea sbagliata della teoria evoluzionistica) che cerca di minimizzare o addirittura estinguere la diversità umana.

Si manifesta come:

  • Razzismo: il sogno di escludere i gruppi etnici minoritari dalle pari opportunità e poteri, e infine di schiavizzarli e persino annientarli
  • Sessismo: il sogno di escludere le donne dalle pari opportunità e di restituirle come ancelle degli uomini
  • Omofobia: il sogno di ritornare a uno stato immaginario della natura in cui esiste solo l’eterosessualità
  • Eutanasia eugenetica: il sogno di eliminare i disabili
  • Censura ideologica: il sogno totalitario di eliminare la diversità di opinioni

I nazisti tedeschi trasformarono l’Europa in un laboratorio del male per un mostruoso esperimento di “Darwinismo sociale”, cercando di trasformare questa fantasia in una realtà e creare così una razza ariana. Alla fine, rimbalzò sulla Germania come un boomerang. Un numero quasi altrettanto grande di “ariani” finirono per morire come gli ebrei e i Rom che i nazisti avevano cercato di sterminare (espressione senza vergogna dei nazisti, non mia).

Leggera divergenza: abbiamo imparato qualcosa da questo? O i nostri mezzi stanno semplicemente diventando più sottili? Le riduzioni nel welfare per le minoranze sono una forma di genocidio per negligenza? Ma questo è un argomento per un altro articolo …

La neurodiversità come questione di conservazione?   

“La citazione originale dalla mia tesi”

Ho sviluppato il termine Neurodiversità per uno scopo politico, che ora vedo in termini ambientalisti più ampi rispetto a quelli di politica dell’identità a cui inizialmente pensavo. Ho scritto altrove sui limiti della politica dell’identità oltre la sua fase iniziale di sensibilizzazione.

In termini biologici, la neurodiversità riguarda la conservazione e la rivalutazione delle minoranze neurocognitive all’interno della specie dominante del pianeta, l’Homo Sapiens. La traduzione dal latino di Homo Sapiens è “Umano Saggio”, affermando che ciò che differenzia gli umani dalle altre specie è il possesso di un cervello altamente sviluppato

Per far prosperare una specie, dobbiamo proteggere il suo habitat. Questo vale maggiormente per le specie in via di estinzione, che hanno bisogno di risorse extra per rigenerare i loro habitat e potrebbero aver bisogno di supporto individuale.

Allo stesso modo, affinché l’umanità possa prosperare, dobbiamo proteggere e creare habitat sicuri per le culture delle minoranze, indigene, sfollate, disabili, povere, strane, anziane e così via. Per le disabilità e le minoranze neurologiche, devono essere fornite risorse aggiuntive dalle tasse della maggioranza in modo che le neuro-minoranze possano prosperare e dare il loro contributo alla società.

Ma c’è un problema: la natura è bella ma ha anche “i denti e gli artigli rossi di sangue”, ovvero crudele

Il lato oscuro della neurodiversità

La natura può essere bella ma è amorale.

La natura genera semplicemente varietà. È un habitat  che determina se un organismo troverà la sua  nicchia e prospererà, sopravviverà o perirà in quell’habitat.

Non tutte le mutazioni sono positive. La natura eliminerà rapidamente qualsiasi mutazione che non si adatti al suo habitat.

Allo stesso modo, la neurodiversità è un principio positivo, ma NON è un principio morale.

Non ha nulla da dire sul Bene contro il Male, Adatto contro Inadatto, Diverso contro Disabile

In natura, le cose sopravvivono per trasmettere i loro geni, oppure no.

Non possiamo far finta di non vedere che realtà la neurodiversità include anche categorie antisociali come “Tetrade Oscura”: psicopatia, narcisismo, machiavellismo e sadismo. In determinate situazioni e entro certi limiti hanno un valore sociale, audacia, fiducia, obiettivi da raggiungere, ma pongono in una posizione di vantaggio sleale coloro che sono in grado di affascinare, ingannare e nascondere obiettivi antisociali e autocelebrativi.

Se ci impegniamo per la creazione di posti di lavoro neurodiversi, dobbiamo assumerci anche la responsabilità di valutare tali comportamenti che spesso caratterizzano le persone in posizioni di comando, per garantire che tutti siano protetti dagli aspetti negativi.

Certo, esiste una nicchia per tutti, ma per alcuni deve essere come una custodia protettiva, sebbene amministrata in modo più umano rispetto ai nostri attuali sistemi penali

Se alcune delle cose che stai leggendo iniziano a suonare come argomenti a favore dell’eugenetica, non farti prendere dal panico! Continua a leggere e scopri perché non è così.

Neurodiversità ed Eugenetica

Mentre la natura è amorale e  hai denti e gli artigli rossi di sangue, la civiltà umana non lo è.

Anche se in modo piuttosto goffo l’Homo Sapiens continua a evolversi verso la vera saggezza, che nel cuore è etica e giusta. La civiltà dipende da questo. L’orrore dell’olocausto nazista contro le minoranze etniche e dei disabili, che alla fine ha consumato anche il tedesco medio, ci ha insegnato che ci distruggeremo a vicenda se scegliamo di eliminare piuttosto che accogliere TUTTI gli umani.

Pertanto è responsabilità della società fornire una nicchia per tutti gli esseri umani, non solo come questione etica, ma anche di interesse personale, come attesta il potente poema tedesco del dopoguerra,  “Prima sono arrivati ​​… ‘ ‘.

Fortunatamente, come specie, abbiamo il talento per la  creazione di nuove nicchie, nuovi spazi e nuove idee.

Per coloro che devono vedere le cose in termini economici piuttosto che morali, creare spazi in cui le persone disabili possano prosperare può tradursi in un vantaggio economico. Questa è un’attività economica che crea posti di lavoro e ricchezza per tutte le professioni assistenziali e per tutti coloro che le supportano: gli amministratori, i progettisti e così via.

E’ vantaggioso per tutti!

Allo stesso tempo, abbiamo tutti la responsabilità di limitare il nostro consumo eccessivo, “vivere semplicemente in modo che gli altri possano semplicemente vivere”.

Una riflessione: neurodiversità e differenza vs disabilità.

I primi commentatori mi hanno spinto a dire qualcosa su questa domanda controversa

Come ho sottolineato sopra, la Natura o la Neurodiversità non distinguono tra Differenza e Disabilità. Questo è un concetto umano, all’interno di un contesto culturale specifico.

In effetti, la nozione di “Disabilità” come è attualmente intesa è un artefatto dei sistemi di welfare occidentali. E’ un mezzo per separare  i Poveri dignitosi  (quelli classificati come disabili dalla professione medica) dai Poveri indegni (quelli senza diagnosi). Quelli considerati meritevoli possono quindi ottenere un sussidio, mentre gli indegni vengono puniti e spesso diffamati. Questo tocca nel profondo. Ancora oggi, mentre la società si è evoluta al punto in cui giustamente condanniamo la diffamazione delle minoranze etniche, di genere e disabili, abbiamo sempre la questione aperta de “I” disoccupati.

Questa parola: Disabilità, è complicata! E ha molte definizioni diverse a seconda della persona a cui lo chiedi.

Domandati cosa intendi con essa prima di condannare le opinioni degli altri. Intendi la definizione del sistema di welfare? Intendi la tua esperienza personale di disabilità? Sei influenzato in modo diverso a seconda che tu sia povero, benestante o ricco? Stai parlando di dolore e sofferenza? Stai parlando di tempo a cui devi rinunciare ad altre attività per fare da badante? Puoi pensare ad altre domande.

Il futuro della neurodiversità

La neurodiversità è stata un’idea in grado di cambiare il mondo. Continuerà ad avere importanza finché le Neuroscience saranno considerate la massima autorità sulle capacità del sistema nervoso umano e fintanto che manterremo una prospettiva ambientalista sull’importanza della diversità.

Il suo significato continuerà ad evolversi come parte di un processo dialettico di cambiamento. Qualsiasi idea che cambierà il mondo (tesi) sarà incompleta, polarizzerà le persone, genererà opposizione e critica (antitesi). Questa è una buona cosa. Dopo tutto il dibattito e la discussione, emergerà una nuova sintesi, che sarà ulteriormente perfezionata e così via…

Se stai leggendo questo, stai creando il futuro della neurodiversità

Dipende da tutti voi !

About the author

Neuropeculiar

View all posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *